Previous
Next

La Fondazione Matteo e Claudina de Stefano ha una lunga storia:
istituita nel 1985 ha sempre operato nel territorio dell’Alto Cilento.
Riconosciuta dalla Regione Campania nel 1986 con personalità giuridica,
nei primi vent’anni di attività ha perseguito soprattutto un’attività di assistenza domiciliare agli anziani.
Poi con l’evolversi dei tempi si è concentrata sul recupero e sulla trasmissione della memoria,
nell’ottica dello sviluppo dei rapporti intergenerazionali.
Nasce da questa volontà perseguita dalla presidente Barbara Riccio de Stefano , l’impegno nella promozione delle tradizioni verso i giovani, l’assidua ricerca della valorizzazione della donna e della sua importanza nella società.
I legami con l’Università Cattolica di Milano hanno consentito alla fondazione di sostenere agli studi i giovani nati in Cilento.

Nel corso degli anni, l’impegno si è espresso anche nella pubblicazione di libri con un’attenzione particolare alle risorse ambientali caratteristiche del territorio, promuovendo ricerche nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi alla conoscenza e all’amore per la propria terra.

Sono stati promossi Convegni ed incontri culturali, organizzati corsi di artigianato, mostre di antichi utensili e di materiale fotografico.

Nell’ ultimo biennio, con la pandemia, la Fondazione non si è fermata:
ha bandito un concorso di cortometraggi per ragazzi sul tema Noi ragazzi al tempo del Covid,
ha istituito un servizio di sostegno telefonico alle persone sole
e ha progettato un nuovo filone di attività culturali:
Il Torchiara Story Festival e il Concorso di Racconti Cilento Story
che si proporranno ogni anno
a Settembre a chiusura dell’estate.

Infine, l’ambizioso progetto del PACC Percorsi d’Arte Contemporanea
che si propone di realizzare  un museo diffuso en plein air nei comuni collinari che da Capaccio a Sapri corrono paralleli al mare.
Il Progetto non avrebbe potuto essere realizzato senza la collaborazione di
Tesi Tecnologie e Servizi Innovativi, azienda aereonautica d’eccellenza localizzata in Cilento,